Menu
Categories
TURISMO INVERNALE: le strategie del Friuli Venezia Giulia
4 Ottobre 2011 Comunicati
Share Button

La strategia complessiva per lo sviluppo del turismo invernale, la cooperazione con Veneto e Trentino per Dolomiti patrimonio dell’Unesco, la collaborazione fattiva tra tutti gli attori della filiera che si sviluppa attorno al settore: sono stati questi gli argomenti al centro dell’incontro odierno a Udine tra l’assessore regionale alle Attività produttive, Federica Seganti, e gli operatori economici, i presidenti dei consorzi della Montagna ed i rappresentanti delle istituzioni.

L’obiettivo, ha confermato l’assessore, è la messa in comune di idee e proposte da inserire nel prossimo Piano Marketing posto che, già nella stagione estiva in cui sono state registrate buone performance, le presenze sono diminuite nelle strutture di carattere sociale e aumentate negli alberghi, nei bed & breakfast, negli alberghi diffusi.

Pacchetti, eventi ad alto potenziale attrattivo ed altre iniziative da sviluppare costruttivamente nella fase operativa che farà seguito all’incontro di oggi, possono fare la differenza in un momento in cui anche la qualità dell’offerta viene ormai asseverata dal mercato ed in cui comunque, ha confermato l’assessore, i fondi da destinare al comparto saranno probabilmente in calo.

Carnia, Tarvisiano e Piancavallo si stanno parlando – ha confermato Claudio Tognoni, che in questa riunione ha esposto idee e proposte di tutti e tre i consorzi della  Montagna – e siamo allineati sulla necessità di azioni e workshop mirati alla promozione del nostro prodotto tenendo conto soprattutto del target che già per noi si sta rivelando importante, come ad esempio la Croazia”.

Il portale di Turismo FVG e l’adeguamento dell’area destinata all’offerta della montagna è stato un altro tema centrale dell’incontro e, mentre da un lato si rilevava l’urgenza di migliorarne ulteriormente l’accessibilità per quanto riguarda il territorio montano, dall’altro se ne è sottolineato l’approccio innovativo.

“E’ partita la  gara per la realizzazione di nuovi filmati e nuove immagini, un lavoro che nel complesso durerà un anno ed useremo man mano caricando il materiale”, ha osservato l’assessore, che ha chiesto l’aiuto di tutti per  implementare quest’area del portale con notizie e curiosità e ripulirlo del sovrappiù e degli errori.

All’assessore i rappresentanti dei Consorzi hanno riproposto la necessità di un catalogo commerciale unico degli hotel gestito dai tour operator ed utilizzato dalle agenzie, uno strumento in formato web ma anche cartaceo nonostante il progressivo sottoutilizzo di questa forma di promozione tecnica evidenziato, ha sottolineato l’assessore, dalla fine indecorosa della maggior parte di brochure e depliant, regolarmente cestinati in occasione di borse del turismo e fiere.

Il lavoro di Promotur a favore dello sviluppo della Montagna è stato sottolineato da Stefano Mazzolini, che ha ricordato come la struttura stia dando lavoro a circa 1800 persone e sia diventata in breve tempo un polo di rilancio e coordinamento dei servizi anche in un’ottica transnazionale.

L’utilità delle manifestazioni e di grandi e piccoli eventi, la necessità di coinvolgere gli imprenditori della montagna in un processo culturale utile, secondo alcuni, a favorire l’affezione del turista alle singole località, l’opportunità della messa in rete dei servizi e della loro promozione, sono stati gli altri argomenti al centro di un incontro indetto, ha confermato  Federica Seganti, in vista della promocommercializzazione della Montagna a partire, alla fine di questa settimana, dalla presenza della Regione a TTG Incontri, la rassegna del turismo di Rimini.

 

.

Vedi anche: Intrighi e delitti nel mondo dello sci

.

Lascia un commento
***