Turismo invernale in FVG

Share Button

L’estate sta finendo: era ora!

A giorni scatta il calendario, subentra l’Autunno, mezza stagione per definizione e quindi irromperà l’inverno: l’amato inverno.

Impazziti? Forse no…

Alcuni (tanti) presumono che d’estate ci sia più “da fare”, si possa “girare” di più, si sia più propensi ad “andare in vacanza”.. invece no!

L’estate è come l’inverno, soprattutto in Friuli Venezia Giulia. Perché?

Perché si va a sciare (di giorno e di notte), a pattinare, a lanciarsi con gli slittini, a giocare a curling, a sfidarsi ad hockey, a “ciaspolare”, ad arrampicarsi su cascate di ghiaccio… in una terra magica d’inverno come d’estate.

Certo fa più freddo e molti lo soffrono; oltre a vestirsi adeguatamente è importante impostarsi correttamente dal punto di vista psicologico : immaginare che la neve sia la calda sabbia estiva, che il freddo è molto più piacevole dell’accanita afa estiva, che dietro a quella tormenta,.. sì, proprio dietro quelle nuvole che scaricano ghiaccio.., c’è l’amato sole, sempre quello, come d’estate, solo leggermente più lontano e “basso”…

L’importante a questo punto è scatenarsi, come d’estate, alla ricerca del posto più cool tra le località sciistiche, oppure dell’angolo più remoto ed incontaminato delle nostre Alpi.

Per anni il Friuli ha vissuto il turismo montano come un’attività secondaria, quasi d’integrazione ai redditi, piuttosto che fonte primaria di guadagno, come invece accade dai cugini dell’Austria o dell’ Alto Adige SüdTirol, dove le attività ricettive e l’offerta turistica sono organizzate e gestite scientemente da decenni e con profitto.

Ora le mentalità stan cambiando: ci si accorge di quanto importanti siano le risorse montane che la nostra regione ci offre, riguardo agli scenari suggestivi, alla florida biodiversità, ai comodi impianti di risalita, alle piste mozzafiato, alle specialità enogastronomiche,..

È quindi giusto concentrarsi per valorizzare le nostre montagne, storicamente luoghi di emigrazione, annoverandole, a pieno e degno titolo, tra le destinazioni turistiche (estive ed invernali) del terzo millennio.

Per cui a tutti un augurio di un divertente e brioso inverno in Friuli Venezia Giulia.

(…anche d’estate però si sta bene…)

Tommaso Botto

Commenti

Nome *

Sito web

Ultime news