TRENI Udine – Tarvisio: disservizi insostenibili

Share Button

“L’assessore regionale Riccardo Riccardi ha agito con tempestività e determinazione rispetto all’aggravarsi della pesante situazione venutasi a creare nei servizi del trasporto ferroviario dei passeggeri in Friuli Venezia Giulia, incontrando la responsabile regionale di Trenitalia.
Al di là delle severe posizioni prese dall’assessore e delle prime rassicurazioni offerte dalla rappresentante di Trenitalia, nonché della prospettiva di utilizzo, a partire da aprile-maggio, di quattro nuovi treni Vivalto, sarà, però, molto difficile che l’emergenza venutasi a creare venga adeguatamente risolta nelle prossime settimane“.

A porre il problema Franco Baritussio, vicepresidente del Gruppo del Pdl in Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia, che ha presentato un’interpellanza urgente all’assessore regionale ai Trasporti, Riccardo Riccardi.

Il problema del trasporto ferroviario – rileva Baritussio – non tocca solo il passeggero occasionale, ma anche e soprattutto studenti e lavoratori che vedono condizionate e rese precarie, se non compromesse, le loro normali attività quotidiane.
A far sentire il maggior peso di questi disservizi sulle popolazioni e sull’utenza interessata è la linea Udine-Tarvisio, sia in fatto di numero di soppressioni, sia di particolari condizioni logistiche, orografiche e di assenza di servizi o di opzioni alternative.

A questo punto diventa doppiamente importante, per Baritussio che ha già evidenziato la cosa in una recente interrogazione sul medesimo problema, un incontro urgente con le amministrazioni locali per pianificare una nuova strategia dei trasporti di persone non solo in prospettiva futura, ma anche al fine di trovare soluzioni urgenti per gli inevitabili disagi che continueranno a ripetersi nei prossimi due o tre mesi.

Con questa interpellanza – conclude Baritussio – si invita, quindi, l’assessore Riccardi a prendere in seria considerazione l’urgenza di incontrare i sindaci delle località dotate di stazioni ferroviarie sulla linea Udine-Tarvisio, unitamente all’assessore provinciale ai Trasporti di riferimento.

Redazione

3 commenti

  1. Claudio Sandruvi says:

    Gen 18, 2012

    Rispondi

    Credo che il problema sollevato sia ormai cronico e mai preso in considerazione così come si dovrebbe. Ben ha fatto il consigliere regionale Baritussio ha riperndere la tematica interessando con una interpellanza l’ assessore Riccardi che con tempestività incontrando i responsabili di Trenitalia.
    Condivido l’ importanza di un incontro con gli amministratori comunali interessati. Sarà mia premura attivarmi per un incontro con i responsabili del Gemonese per discutere del problema per poi incontrarsi con l’ assessore Riccardi.Claudio Sandruvi Commissario Straordinario di Montenars.

  2. […] E’ profondo il timore dei sindaci dell’Alto Friuli e della Val Canale-Canal del Ferro per un servizio ferroviario, da tutti ritenuto essenziale, che soprattutto negli ultimi mesi ha creato forti disagi a lavoratori e studenti costantemente alle prese con ritardi, soppressioni, disservizi alle stazioni lungo la linea Udine-Tarvisio. […]

  3. […] pubblico locale di Trenitalia è rientrato nella normalità, dopo che si era registrata una situazione insostenibile, bisogna ora riprendere il cammino interrotto e proseguire nel processo di continuo miglioramento […]

Commenti

Nome *

Sito web

Ultime news