TRENI: A RISCHIO BIGLIETTERIE TARVISIO BOSCOVERDE E GEMONA

Share Button

E’ opportuno intervenire nei confronti di Trenitalia affinchè possano essere riconfermate le condizioni per mantenere attivi i servizi di biglietteria nelle stazioni di Tarvisio Boscoverde e Gemona”.

Lo chiede con un’interpellanza all’Assessore regionali ai Trasporti, Riccardi il consigliere regionale de La Destra – indipendente all’interno del Gruppo Pdl, Franco Baritussio.

Abbiamo appreso della prossima chiusura dal 1° gennaio 2013 delle biglietterie delle stazioni ferroviarie di Tarvisio Boscoverde e Gemona. Le perdite gestionali da parte della Coooperativa Servizi Valcanale non consentirebbero più alla stessa di proseguire nel servizio di gestione delle due biglietterie”.

Con convezione – prosegue Baritussio – siglata fra Trenitalia e Comuni interessati la cooperativa gestisce dal 2004 il servizio della biglietteria di Tarvisio Boscoverde e dal 2010 anche quello della stazione di Gemona”.

Trenitalia pare indifferente di fronte a questa ipotesi di chiusura che vedrebbe in futuro tutte le stazioni ferroviarie a nord di Udine servite solo da distributori automatici di biglietti con relativi disagi per l’utenza. Ciò, nonostante da parte dei Comuni di Tarvisio e Gemona del Friuli, oltre che dalla Comunità Montana del Gemonese, Canal del Ferro-Valcanale sia già stata manifestata la disponibilità a compensare con fondi propri le quote necessarie per il mantenimento del pareggio economico di gestione delle biglietterie”.

Nell’interpellanza il consigliere chiede se sia intenzione dell’assessore “intervenire presso Trenitalia affinchè possano verificarsi, anche alla luce del rinnovato impegno delle istituzioni locali, le condizione per mantenere attivi i servizi di biglietteria nelle stazioni di Tarvisio Boscoverde e Gemona”

INTERPELLANZA

Oggetto: “La chiusura delle biglietterie delle stazioni ferroviarie di Tarvisio Boscoverde e Gemona si può evitare.”.

Il consigliere regionale Franco Baritussio (PDL),

APPRESO della prossima chiusura (dal 1° gennaio 2013) delle biglietterie delle stazioni ferroviarie di Tarvisio Boscoverde e Gemona causa le perdite gestionali da parte della Coooperativa Servizi Valcanale che, attraverso una convenzione che vede coinvolti anche i comuni delle due località, vista l’indisponibilità di Trenitalia di mantenere aperte le sue biglietterie, dal 2004 gestisce lo sportello della stazione di Tarvisio Boscoverde e, dal 2010, anche quello di Gemona;

POICHE’ Trenitalia pare abbia manifestato serena indifferenza a fronte della perdita di questo importante servizio per l’utenza (per detta società sono infatti sufficienti i distributori automatici dei biglietti, che, notoriamente, oltre a non fornire i medesimi servizi della biglietteria, creano spesso disagi all’utenza);

ATTESO che da parte dei Comuni di Tarvisio e Gemona del Friuli, oltre che dalla Comunità Montana del Gemonese, Canal del Ferro-Valcanale è già stata manifestata la disponibilità a compensare con fondi propri le quote necessarie per il mantenimento del pareggio economico di gestione delle biglietterie, purchè vi sia la disponibilità, da parte di Trenitalia, a mantenere le medesime condizioni attualmente in essere (aggi e integrazioni sugli aggi);

TUTTO CIÒ PREMESSO,

INTERPELLA

l’Assessore regionale ai trasporti per conoscere:

– se sia sua intenzione intervenire presso Trenitalia affinchè possano verificarsi, anche alla luce del rinnovato impegno delle istituzioni locali, le condizioni per mantenere attivi i servizi di biglietteria nelle stazioni di Tarvisio Boscoverde e Gemona.

Trieste 10.12.2012

Redazione

Commenti

Nome *

Sito web

Ultime news