TERRORE ISLAMICO, NO A LEGGE SU IMMIGRAZIONE IN FVG

Share Button
LA REGIONE CANCELLI LA DISCUSSIONE SULLA LEGGE “INTEGRAZIONE IMMIGRATI” E ADOTTI TUTTE LE MISURE PER NON DIVENTARE PORTO PER I TERRORISTI
ISIS

“Chiediamo che il Pdl 99 sull’”integrazione degli immigrati” venga congelato e rimandato in commissione. Discuterlo ora, dopo quanto accaduto a Parigi e in forza delle preoccupanti dichiarazioni rilasciate dal procuratore di Trieste Mastelloni che evidenziano un serio rischio di infiltrazioni terroristiche dalla rotta dei Balcani ed una ridotta forza di contrasto da parte delle nostre forze dell’ordine, non solo è inappropriato ma fuori luogo”.

Lo chiedono i consiglierei regionali FVG di Alleanza Nazionale – Fratelli d’Italia e Lega Nord Luca Ciriani e Barbara Zilli, che con una mozione d’ordine chiederanno in aula il ritiro della proposta di legge.

“Il buonismo non serve a nulla – dichiarano – ma servono norme stringenti che prevedano l’incentivazione dei controlli e pronte misure di espulsione. La proposta di legge del centrosinistra, purtroppo, va nella direzione opposta permettendo la creazione di centri di aggregazione per le comunità straniere, con il più che probabile rischio che si creino nuovi centri di “cultura islamica” che altro non sono che luoghi di indottrinamento mascherati da moschee”.

“Le forze dell’ordine – ribadiscono Zilli e Ciriani – già insufficienti, come sottolinea Mastelloni, sono impegnate nel monitoraggio sia dei centri già esistenti sia degli immigrati presenti sul nostro territorio. La Regione, quindi, dovrebbe evitare di dare la possibilità ad altri focolai terroristici di nascere e mettere in campo tutte le iniziative a sostegno del lavoro delle forze di polizia impegnate, chiedendo  anche l’intervento dell’esercito per i controlli alle frontiere”.

Redazione

Commenti

Nome *

Sito web

Ultime news