REINSERIMENTO LAVORATIVO: denaro pubblico per farsi prendere in giro

Share Button

La testimonianza di un disoccupato inserito nel Progetto Workoop Spa della Regione Friuli Venezia Giulia.
Le critiche mosse dal consigliere regionale del PD Paolo Pupulin.

.

“Ma avete pensato di cambiare regione? Magari in una grande città…”;
“Guardi che non c’è nulla, in Friuli si cercano solo fresatori…”;
“Noi non troviamo un posto di lavoro: aiutiamo a cercarlo, a scrivere il CV e a prepararsi per il colloquio”;
“Lei è troppo specializzato, non so perchè l’abbiano mandata qui da noi…”

Questi sono i commenti che si è sentito dire il disoccupato di turno dall’impiegata di Workopp Spa di Udine.
Lo chiameremo Alvise, a tutela della sua privacy.
Privacy della quale non gliene frega comunque niente perchè, dopo una laurea, un master, una specializzazione e tanti sfortunati copro, cococo e coccodè per pirati autorizzati, si trova da oltre due anni senza lavoro (“Qualche manovalanza in nero, null’altro”) e la sua dignità, il suo amor proprio, il suo orgoglio sono compromessi.
La salute inizia a vacillare: si sente stanco, annebbiato, debole.
Regge l’urto con la forza della disperazione: ha una famiglia da mantenere.

Dopo parecchie visite all’Ufficio Provinciale per l’Impiego di Udine, che non gli ha mai suggerito nemmeno un nominativo, un’azienda, un lavoro socialmente utile.., finalmente, dopo più di due anni, Alvise riceve una telefonata:
“La chiamo per la sua adesione al Progetto Workopp: verrà contattato entro 60 giorni da un loro operatore…”.
“ ..?.. Va bene…”

.
Dopo oltre due mesi, la fatidica chiamata: “Sono Tizia della Workopp… ci vediamo il giorno x alle 11?”.
“Mi va benissimo.”
“Porti un CV!”
“Non mancherò..”.

Il primo incontro dura 22 minuti: una firma, descrizione di studi, lingue, specializzazioni, titoli vari, precedenti professionali, conoscenze informatiche, lavori vari… e quei bei commenti di cui all’incipit.

.
Dopo dieci giorni e due mail di Alvise in cui chiedeva se c’erano novità, un nuovo appuntamento, di cinque minuti, e una seconda firma: “Oggi impariamo a scrivere il Curriculum.”
“Senta, sono qui per trovare un qualsiasi lavoro, di c