ORDINE GIORNALISTI: DATI INCARICHI P.A. DEVONO ESSERE PUBBLICI

Share Button

(Segue da Regione Friuli Venezia Giulia: Non vedo, non parlo, non sento e La regione Friuli Venezia Giulia assolda un pregiudicato per farsi pubblicità)

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO LETTERA DI ENZO IACOPINO, PRESIDENTE DELL’ORDINE DEI GIORNALISTI

“Caro Collega,

comprendo il tuo stato d’animo e l’amarezza suscitata dalla vicenda che mi hai descritto, vicenda che mostra ancora una volta come non sia recepita dalle nostre istituzioni l’importanza del diritto all’informazione dei cittadini e del ruolo che il giornalista riveste in una società progredita e che la Corte europea ha descritto come quello del “cane da guardia” della legalità.

Il diritto all’informazione dei cittadini è stato anche  rafforzato dalla recente normativa in materia di trasparenza, il cui fine è quello di incrementare il rapporto di fiducia tra pubblica amministrazione e aminstrati

Relativamente al caso concreto osservo quanto segue.

Il Testo Unico del Pubblico Impiego (art. 53, comma 14, del D. Lgs. 165/2001, come modificato dall’art. 34 del D.L. 223/2006, convertito in L. 248/2006) prevede l’obbligo per le pubbliche amministrazioni di mettere a disposizione del pubblico, per via telematica, l’elenco dei collaboratori esterni e dei soggetti cui sono stati affidati incarichi di consulenza, con l’indicazione di ragione e durata dell’incarico, nonché dell’ammontare dei compensi corrisposti.

Tale obbligo è stato ribadito dall’art. 11 del D. Lgs. 150/2009, recante in rubrica Attuazione della Legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni, che stabilisce che ogni amministrazione pubblichi sul proprio sito istituzionale gli incarichi, retribuiti e non, conferiti ai dipendenti pubblici e ai soggetti privati.

Sulla base di tali disposizioni, la pubblica amministrazione – nel caso di specie, la Regione Friuli Venezia Giuliadeve rendere pubblici tutti gli incarichi conferiti, tra i quali rientrano a pieno diritto gli incarichi in corso di svolgimento.

Tale obbligo, derivando da una espressa disposizione, opera a monte e prescinde da una richiesta di accesso agli atti, che può altresì riguardare dati ed informazioni  ulteriori del procedimento di affidamento dell’incarico, quali sono, ad esempio, le valutazioni compiute nel corso della fase istruttoria del procedimento stesso.

Ciò premesso, sotto un profilo meramente tecnico, ed in base a quanto riportato nell’articolo di cui all’indirizzo www.dovatu.it/news/regione-friuli-venezia-giulia-non-vedo-non-parlo-non-sento-3354/, la risposta fornita dalla Regione può anche ritenersi – come mi indicano gli uffici del Consiglio – conforme alla normativa vigente in materia di accesso agli atti (L. 241/1990; D.P.R. 184/2006), perché la formalizzazione dell’istanza di accesso può essere richiesta se sussistono dubbi sull’oggetto del diritto d’accesso, sull’identità e legittimazione del richiedente, e sulla sussistenza di soggetti controinteressati e tali dubbi potrebbero essere sostenuti in relazione ad una richiesta formulata con un messaggio di posta eletronica non certificata.

Tuttavia, i dati principali riguardanti un incarico conferito dalla Regione in corso di svolgimento e il relativo compenso avrebbero dovuto essere già resi pubblici, senza necessità di istanze formali da parte del cittadino o del giornalista, perché – giova ripeterlo – tale obbligo deriva direttamente dalla legge”.

Piero Villotta, Presidente dell’Ordine dei Giornalisti del Friuli Venezia Giulia:
“Aderisco in pieno al messaggio del presidente Iacopino in materia di accesso agli atti”.

Redazione

2 commenti

  1. […] affidato alla Workopp Spa di Piacenza. Nella più totale trasparenza (a differenza di un altro ufficio regionale) ci è stato spiegato tutto per filo e per segno dalla Direzione centrale Lavoro, Formazione, […]

  2. […] Presidente), nonché qualche periodico articolo sardonico-polemico (strappando anche preziosissime dichiarazioni al presidente nazionale dell’Odine dei giornalisti, Enzo Iacopino, e al presidente regionale, […]

Commenti

Nome *

Sito web

Ultime news