Menu
Categories
Nepotismo PD: richiesti atti assunzione dell’ ex segretario PD nello staff Serracchiani
16 Luglio 2014 Comunicati
Share Button

Dopo una mia interrogazione svolta sulla sospetta assunzione di Davide Bonetto, vicesindaco di San Giorgio di Nogaro, appartenente alla medesima corrente della presidente ed ex segretario PD (carica ora passata al padre, già consigliere del consorzio Aussa Corno), nello staff della presidente Serracchiani, nei giorni successivi sono emersi altri aspetti estremamente inquietanti che, se fossero confermati, getterebbero una lunga ombra sull’immagine moralizzatrice della Presidente, e genererebbero possibili conseguenze anche sull’attività di questa Giunta regionale. La necessità di fare tempestiva chiarezza mi ha indotto a presentare una richiesta di accesso a tutti gli atti afferenti l’assunzione: corrispondenze, mail, e tutto ciò da cui si possa comprendere le dinamiche dell’assunzione. Inoltre ho presentato una ulteriore interrogazione alla presidente con ulteriori richieste.

renzi serracchiani

Nell’interrogazione ho, tra l’altro, citato le nette prese di posizione da parte dei rappresentanti regionali della CISL e CGIL ed il loro sconcerto e condanna per quanto accaduto, ma anche la posizione espressa dall’ex capogruppo di opposizione, Gianfranco Moretton, il quale tra l’altro afferma che “sarebbe interessante sapere dalla stessa Presidente della Regione quanto sia indispensabile l’assunzione di un nuovo addetto per il ruolo che gli è stato assegnato o se magari non si poteva trovare qualcuno tra gli esuberi che sembrano emergere in Regione. E’ triste che chi ha approdato la liea dei rottamatorie che si dichiara fautore della nuova politica dei cittadini per i cittadini, ricorra a questi escamotages così equivoci per privilegiare scelte personali. Certamente, se così fosse, non sarebbe un bel esempio”.

Ho espresso la mia preoccupazione perché se fosse stata determinante nella scelta della persona anziché il curriculum del Bonetto –  il quale sembrerebbe piuttosto scarno (diploma di geometra, apprendista muratore, impiegato tecnico presso una srl) e pertanto con una esperienza certamente non ricollegabile all’Ufficio di Gabinetto.  –   la sua amicizia o conoscenza con la Presidente o il suo consorte o la sua militanza nella stessa corrente di partito della Presidente si sarebbe provocato un vulnus non certamente sanabile in via amministrativa.

Ecco la ragione per cui ho svolto una nuova interrogazione alla presidente, al fine di conoscere le ragioni del suo assordante silenzio (diversamente dalla sua usuale generosità verso stampa e televisioni), sapere se vi era nell’organico della regione la possibilità di trovare le professionalità del Bonetto senza dover assumerne di nuove, conoscere le procedure che hanno portato miracolosamente alla scelta guarda caso di un suo sostenitore, amministratore e già dirigente del PD, dotato di scarso curriculum ma di elevato pedigree (famiglia storica a sostegno del partito e della corrente della presidente), conoscere le ragioni per cui stranamente la Giunta abbia ritenuto di non rispondere alla mia interrogazione sull’aggiudicazione della gara alla società di somministrazione di personale Talea.

 

Rodolfo Ziberna

Vice Presidente Gruppo consiliare PDL-FORZA ITALIA del Friuli Venezia Giulia

Lascia un commento
***