Monti fa quel che vuole. Ma non rassegnarsi a chiusura tribunale Tolmezzo

Share Button

 

“Sul piano psicologico, più che a un governo tecnico pare di stare di fronte a un commissario straordinario, che può agire in deroga agli strumenti ordinari della democrazia.
Infatti, per quanto criticabili e forse anche contraddittori fra loro, nemmeno i pareri delle Commissioni Giustizia di Camera e Senato hanno inciso sul Governo, che annuncia il via libera al decreto che procede verso la soppressione dei tribunali”.

Così il vicecapogruppo Pdl in Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia Franco Baritussio sull’annunciata soppressione del tribunale di Tolmezzo (Ud).

“Sul piano pratico – rileva Baritussio – è comunque un errore rassegnarsi subito. Sarebbe utile conoscere i contenuti puntuali del decreto, i margini di azione da qui alla sua firma e, infine, la data reale di attuazione, che ancora non si sa se sia fissata a 18 mesi dal decreto o se verrà anticipata al 31 dicembre 2012″.

Redazione

Commenti

Nome *

Sito web

Ultime news