MISTERI E MESTIERI: QUATTRO SECOLI DI PROCESSIONI A TRAPANI

Share Button

 

Trapani in fermento e non per la campagna elettorale.

Oggi si ripete il rito dei Misteridi Trapani, la processione del Venerdì Santo che attraversa le vie della città falcata dalle ore 14 alla stessa ora di domani.

 

Un evento che vede portare 20 figure in legno, tela e colla (i Misteri), opere di maestranze locali, che più di quattrocento anni or sono sostituirono le figure umane che, da tempi antichi sino al Medioevo, ‘replicavano’ la Passione del Cristo.

 

“Una scelta, quella di rappresentare le scene con figure lignee, dettata dalla necessità di restituire compostezza alla cerimonia che, per eccessiva immedesimazione dei figuranti, spesso trascendeva”, spiega Nicola Miceli, restauratore trapanese appassionatissimo dei Misteri.

”Così, da quattro secoli, le Maestranze (corporazioni) curano tutto l’anno i propri Misteri per giungere poi alla vera e propria esibizione durante la lunga processione.”

.
Una processione, ‘annacata’ (dondolata) al suon di marcia funebre e delle antiche ‘lamentazioni’, che vede affluire dalla Sicilia e da tutta Italia centinaia di migliaia di devoti, turisti e curiosi.

Le Maestranze rappresentano, con venti raffigurazioni scultoree trasportate a spalla da almeno dieci ‘massàri’ su di una ‘vaira’ (base di legno), uno spaccato del mondo dei Mestieri, i Ceti.

Troviamo, infatti, gli Orefici, i Pescatori, gli Ortolani, i Metallurgici, i Naviganti, i Fruttivendoli, i Barbieri, i Pescivendoli, i Muratori, i Fornai, i Calzolai, i Macellai, il Ceto del Popolo, i Tessili, i Falegnami, i Pittori, i Sarti, i Salinai, i Pastai, i Cuochi e Camerieri.

Misteri e Mestieri…

 

.

.

 

ITINERARIO MISTERI 2012

 

 

 

 

 

Redazione

Commenti

Nome *

Sito web

Ultime news