Il Censimento nel mondo: domande e topics

Share Button

Analisi comparativa tra le differenti realtà censuarie, per capire cosa viene principalmente “chiesto”, per approfondire le tematiche interrogative “canoniche” ed estrapolare le peculiarità d’ogni singolo questionario nazionale. 

Il censimento è un’attività periodica, storicamente esplicata dagli umani. 

L’umanità necessita di informazioni interne per gestirsi al meglio. 

Il censimento è il principale strumento di rilevazione di tali informazioni in quanto è il più preciso ed universale. 

Conosci te stesso” è l’obiettivo primo della rilevazione censuaria. 

La nostra finalità (noi: membri dell’umanità) è quella di conoscerci meglio per orientare le nostre scelte presenti e future, caratterizzate da incertezza e probabilità

Potremmo analizzarci in un’infinità di variabili caratteristiche ma questioni di budget, timing e tecnologia ci costringono a restringere il nostro raggio d’azione. 

Così chiediamo, o meglio, ci autointerroghiamo riguardo a specifici temi (items), riassumibili in aree di pertinenza logica, definibili come interrogativi topici (topics). 

La disamina riguardo l’evento censuario deve considerare tale tematica (le variabili interrogative censuarie), valutando ciò che viene generalmente chiesto nella summa del nostro campione d’analisi. 

Nel far ciò è naturale rilevare alcuni leitmotiv relativi all’oggetto di questioning, ossia la frequenza di alcune peculiarità interrogative, necessarie ed insostituibili, nei formulari censuari un po’ di tutto il mondo. 

Da quest’ attività discriminatoria risultano le particolarità specifiche di ogni singolo Paese. 

Il fascino di questa ricerca sta proprio nel riscontro di una vera e propria identità censuaria insita in ogni Nazione: ogni esperienza censuaria riaccoglie informazioni riguardo a specifici temi propri di quel territorio, di quella cultura, di quella economia e di quella società.
Le inferenze possibili sono molteplici. 

La dimensione comparativa non può che arricchirci.
Confrontare e interpretare i diversi usi dei diversi luoghi del mondo può solo creare un virtuoso sviluppo di idee, pratiche e comprensioni reciproche che nascono dall’umile raffronto con analoghe esperienze

Le caratteristiche storiche, sociali ed istituzionali di alcune Nazioni si riscontrano nel questionario censuario e portano a distinguere cicli censuari definibili per “somiglianza interrogativa”. 

Questi macrogruppi censuari sono contraddistinti, spesso, da varie analogie, già esposte nelle altre parti della nostra ricerca. Ciò non fa che sottolineare le radici comuni di alcune distinte realtà censuarie. 

L’ottica costi-benefici, già fondata con le considerazioni sul census budget, deve necessariamente considerare la voce benefici che consiste grosso modo nell’insieme di informazioni raccolte. 

Ci si può così esercitare n caute valutazioni riguardo all’utilità, attualità e necessità delle domande poste tramite i questionari dei censimenti

In termini semplici: porre domande ha un costo, rispondere può comportare fastidio efatica,.. che tutto ciò serva a qualcosa.
Questa ricerca ci ha spinti ad esaminare i questionari riferiti a circa 20 Nazioni effettuanti il censimento demografico nel periodo dal 1995 al 2004 (2000 Round of Censuses): i formulari esaminati, alcuni “originali”, altri semplicemente “scaricati” online dai siti web degli Istituti Statistici nazionali, sono stati così confrontati e il campione d’analisi è stato ristretto a 15 realtà censuarie (9 europei, 2 sudamericani, 2 nordamericani, 2 oceanici). 

I questionari oggetto d’analisi sono stati sintetizzati in schede riassumenti il numero di domande per area interrogativa particolare (topics): abbiamo ritenuto discriminare pertanto i singoli formulari enumerando le interrogazioni riferite a: 

1. target rispondente: fermo restando il principio dell’universalità della rilevazione censuaria, abbiamo voluto segnalare quei comandi, o domande, filtro che appaiono in un normale questionario, riferiti nella fattispecie a, principalmente, sesso ed età, quali criteri discriminatori per la risposta ad un gruppo di domande (del tipo: “alle successive domande devono rispondere tutte le persone di un anno o più.”); 

2. parte certificativa del questionario: abbiamo voluto così definire le parti “pesanti” del questionario, ossia quelle componenti che richiedono una compilazione estensiva da parte dell’intervistato, cagionando inevitabilmente una dilatazione dei tempi di compilazione e una sicura “scocciatura”, in caso di ridondanza e ripetizioni; 

3. la parte riferibile alla mobilità della persona, quindi tutte quelle domande che si riferiscono alla residenza stabile, ad una eventuale pluralità di residenze, alla mobilità dell’individuo rispetto ad un determinato lasso temporale (in genere 5 anni o 10 anni), nonché quelle più strettamente legate ai “movimenti” della persona durante le sue abituali occupazioni (tragitto casa-lavoro, mezzo di trasporto, tempi impiegati,..); 

4. la parte riferita al livello d’istruzione del rilevato, riassumente grosso modo il titolo di studio conseguito, l’eventuale frequenza scolastica, la formazione professionale dell’individuo…;
5. la sezione riguardante lo stato occupazionale dell’intervistato

In figura i risultati della comparazione tra censimenti

Interrogativi censuari 2000_ Fonte: i questionari di 20 censimenti nazionali

Traendo le medie possiamo delineare le caratteristiche quantitative delle tipologie di interrogazioni presenti in un utopico questionario censuario “medio”. 

 

Questa definizione teorica può dimostrarsi molto utile in una disamina comparativa tra le differenti realtà censuarie poste in relazione, per capire cosa viene principalmente “chiesto”, per approfondire le tematiche interrogative “canoniche” e, di conseguenza, estrapolare le peculiarità d’ogni singolo questionario.
L’ottica etnografica consentirà di valutare la causalità di tali particolarità, comprendendo il perché di tali particolari interrogazioni valutando la storia, l’economia e le istituzioni del singolo Paese..

(Segue)

Tommaso Botto

2 commenti

  1. […] DI UN RAPPORTO DI LAVORO GIORNALISTICO SUBORDINATO CON LA QUALIFICA DI …Leggi tutto l'articoloIl Censimento nel mondo: domande e topicsAnalisi comparativa tra le differenti realtà censuarie, per capire cosa viene principalmente […]

  2. […] il nostro viaggio comparativo tra i Censimenti del mondo, spulciando tra le domande già poste dieci anni […]

Commenti

Nome *

Sito web

Ultime news