FRIULI DOC: PER BERE DI NOTTE BISOGNA PRENDERE L’AUTO

Share Button

FIRMATA L’ORDINANZA PER LIMITARE LA SOMMINISTRAZIONE DI ALCOLICI E VIETARE I FESTEGGIAMENTI NOTTURNI: MULTE DA MILLE A SEIMILA EURO

All’interno della circonvallazione esterna di Udine, nei quattro giorni lo stop alla somministrazione scatta con la chiusura degli stand ovvero all’1 di giovedì, alle 2 di venerdì e sabato e alla mezzanotte di domenica

FURIO HONSELL

Il sindaco del capoluogo friulano, Furio Honsell, ha firmato un’ordinanza per limitare la somministrazione di alcolici oltre l’apertura degli stand, armonizzando così gli orari di somministrazione a quelli di apertura dei choschi. E questo “a seguito delle sollecitazioni – si legge nell’ordinanza – intervenute durante l’ultima riunione del Comitato per l’ordine e la sicurezza e facendo anche seguito alle sollecitazioni della Questura”.

Per la ventesima edizione di Friuli Doc, dunque, gli espositori ed operatori su area pubblica, nonché i pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande ubicati nel perimetro della manifestazione, così come quelli ubicati all’interno del perimetro della circonvallazione esterna, dovranno cessare la somministrazione al pubblico di bevande alcoliche e superalcoliche all’1 di giovedì, alle 2 di venerdì e sabato e alla mezzanotte di domenica.

Stop dunque alla vendita di alcol, sia all’esterno, sia all’interno degli esercizi pubblici, dopo la chiusura degli stand. Ma non solo. Perché “conseguentemente alla chiusura degli stand della manifestazione – c’è scritto – è vietato il bivacco di persone su aree e spazi pubblici nonché la consumazione di cibi e bevande all’esterno”.

Per quanto riguarda le emissioni sonore, restano in vigore quelle previste dal regolamento della manifestazione. “Gli espositori, gli operatori su area pubblica, chiunque autorizzato all’attività di animazione, intrattenimento ed allietamento musicale nonché i pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande ubicati nel perimetro di Friuli Doc – si legge ancora – dovranno cessare le emissioni sonore comunque originate (impianti elettroacustici, dj-set, dal vivo, e simili) alle 23.30 di giovedì, alle 24 di venerdì, all’1 di sabato e alle 24 di domenica”.

Per tutti i trasgressori sono previste delle sanzioni che vanno da multe da mille a seimila euro per chi non osserverà le disposizioni sulla somministrazione di alcolici ad altre sanzioni previste già nel nuovo regolamento di Friuli Doc varato all’inizio di questa estate.

 

Redazione

Commenti

Nome *

Sito web

Ultime news