FONDI UE FANTASMA: DOPPIA INTERROGAZIONE SUI GEIE FVG

Share Button

Il Consigliere regionale Stefano Pustetto (SEL) interroga la Giunta Serracchiani su GEIE Sanicademia e GEIE Net-Europe.

Ecco il testo delle interrogazioni presentate oggi. 

 

Qual è il genoma dei GEIE partecipati dalla Regione FVG

 

Premesso che il Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) è una figura creata con il Regolamento comunitario n. 2137 del 25 luglio 1985 e che è considerato un ente giuridico indipendente dotato di capacità giuridica che nel nostro ordinamento viene equiparato a una società di persone;
preso atto che la nostra Regione partecipa a due GEIE, Sanicademia GEIE e Net Europe GEIE, che la prima è stata costituita assieme alla Regione Veneto e alla Carinzia (DGR n. 2712/2005) e la seconda nel 2009 con due s.r.l. con sede in Slovenia (DGR n. 1186/2009);
rilevato che i due GEIE hanno ottenuto il finanziamento di vari progetti comunitari e, quindi, gestiscono da molti anni fondi pubblici anche per conto della nostra Regione;
constatato che dal sito internet istituzionale della Regione alle voci “enti, agenzie e società regionali” e “amministrazione trasparente” non si trova traccia dei due GEIE;
richiamato da ultimo il D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33 che impone regole precise nella disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni

interroga la Giunta regionale per sapere:

–         perché esistono queste lacune nel sito internet istituzionale della Regione e le due società di cui sopra non compaiono nell’elenco delle partecipate della Regione e/o degli enti di diritto privato sottoposti al controllo da parte dell’Amministrazione regionale, visto che hanno comportato oneri a carico del bilancio regionale,

–         con quali atti la Regione ha dotato i due GEIE di fondi per gestire le attività, considerato che le norme comunitarie richiedono che i beneficiari, prima del finanziamento, debbano avere un’adeguata capacità finanziaria propria,

–         quanti fondi pubblici hanno percepito i due GEIE in questi anni, a quali progetti hanno partecipato e quali sono stati i risultati tangibili a favore della nostra Regione;

–         come è stato possibile che la Regione abbia sostenuto delle spese a carico del bilancio regionale senza prima annotare i due GEIE nell’elenco delle società partecipate.

 

Contributo straordinario al Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) “Net Europe – IT & Public Administration GEIE)

Premesso che con delibera n. 1186 del 21.05.2009 la Giunta regionale ha autorizzato la costituzione del Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) “Net Europe – IT & Public Administration GEIE”;
preso atto che, come si evidenzia all’articolo 5 del suo Statuto, detto GEIE è partecipato al 40% dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia;
visto che GEIE non figura nell’elenco delle partecipate della Regione FVG;
posto che con delibera n. 1299 dell’8.7.2011 la Giunta regionale ha chiesto il trasferimento dell’allora sede del GEIE dagli uffici della Regione di Trieste di via Udine 9 in quanto coincideva con la sede degli uffici regionali dell’Autorità di Gestione del Programma di Cooperazione Transfrontaliera del Programma Italia Slovenia 2007/2013 nonché con la sede della struttura di controllo di I livello dei programmi fondi strutturali a cui il GEIE è stato ammesso a contribuzione;
visto, inoltre, che con DGR n. 1252 del 6.7.2012 la Giunta regionale ha stabilito di concedere a EGIZ “Net Europe – IT & Public Administration” GEIE di utilizzare gratuitamente, per il periodo 1.7.2012 – 31.12.2015, i locali siti al quarto piano dell’immobile appartenente al patrimonio indisponibile regionale ubicato in scala Cappuccini, 1 a Trieste;
visto che secondo quanto afferma la Corte dei Conti nella sua Relazione sul rendiconto generale della Regione FVG per l’esercizio finanziario 2012 la spesa regionale a beneficio del Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) “Net Europe– IT & Public Administration GEIE” nel 2012 è stato di 110.472,03 euro;
considerato che il piano finanziario del Programma Italia Slovenia 2007/2013 prevede che i progetti finanziati ricevano l’85% delle risorse dal FESR e, quindi, dai fondi europei e il 15% dalle risorse nazionali italiane e slovene, per una copertura totale del 100%

 

interroga la Giunta regionale per conoscere

 

quali sono stati i progetti finanziati e quali ricadute concrete abbiano avuto sul territorio regionale,

la motivazione del contributo straordinario di 33 mila euro al GEIE previsto con la legge di Assestamento di bilancio 2014 con un emendamento all’articolo 11 per il completamento dei progetti già finanziati al 100% dal Programma di Cooperazione trasfrontaliera Italia – Slovenia 2007/2013 (ambito sanitario) e la motivazione della concessione gratuita dei locali regionali al GEIE visto che la partecipazione della Regione è del 40% e non del 100%.

Redazione

Commenti

Nome *

Sito web

Ultime news