Menu
Categories
Dilaga la disoccupazione: 40 milioni per PIPOL
18 Aprile 2014 Comunicati
Share Button

E’ il Piano integrato di politiche per l’occupazione e il lavoro il neonato programma regionale per alcune fasce di disoccupati: molti temono che darà lavoro solo a chi verrà impiegato per il suo funzionamento, come già accaduto in passato.

no job no money

 

L’Amministrazione regionale si dota di uno strumento per coordinare e integrare le iniziative a favore dell’occupazione finanziate dai diversi programmi dell’Unione europea, rivolte in particolare ai giovani.

La Giunta infatti ha approvato oggi, su proposta dell’assessore al Lavoro Loredana Panariti, il Piano integrato di politiche per l’occupazione e il lavoro (“Pipol”), che potrà disporre di una dotazione finanziaria di 39,5 milioni di euro.

Di fronte alla crisi economica e occupazionale, “Pipol” nasce dall’esigenza di rafforzare quegli interventi che, attraverso l’integrazione di diverse misure, possano favorire le azioni di politica attiva del lavoro in grado di sostenere e accompagnare i percorsi di accesso o rientro nel mercato del lavoro.

“Pipol” comprende quattro progetti: Programma operativo nazionale Iniziativa per l’occupazione giovanile (PON IOG), FVG Progetto giovani, FVG Progetto occupabilità, Imprenderò 4.0.

Le varie iniziative sono rivolte a specifiche fasce deboli:
giovani “dispersi” o a rischio di dispersione scolastica tra i 15 e i 19 anni;
giovani che non studiano e non lavorano;
neodiplomati o neolaureati fino a 30 anni;
lavoratori disoccupati (con o senza ammortizzatori sociali), sospesi o in cassa integrazione.

Lascia un commento
***