CREDETE PURE ALLA DEMOCRAZIA: Dieci domande alla Presidente Serracchiani sulle assunzioni sospette di uomini del PD nell’Amministrazione regionale del FVG

Share Button

Non è usuale per un consigliere regionale convocare una conferenza stampa per porre delle domande alla presidente della Regione, prevedendo leggi e regolamenti altri strumenti, come le interrogazioni e le interpellanze. Ahimè, la presidente Serracchiani, troppo impegnata ad assolvere ai compiti di vice segretaria nazionale del PD e show woman televisiva, in un anno non ha avuto mai tempo per farlo. E’ una questione di maleducazione istituzionale e di negazione dei diritti delle opposizioni, coerente con il personaggio Serracchiani che senza le luci delle telecamere non si spreca.

cessi

Eppure di argomenti ce ne sono tanti. Se sulle scelte tutto è discutibile, l’applicazione delle leggi però deve valere per tutti, inclusa la presidente, soprattutto se si tratta di una presidente che ha costruito il proprio successo sulla moralizzazione della politica.

Il problema sta nelle troppe assunzioni sospette operate sotto la sua presidenza, a cominciare da quel concorso “sartoriale” con cui è stato assunto dirigente il dott. Fortuna, suo amico e già collaboratore. I titoli che doveva possedere il candidato “stranamente” li possedeva solo lui o qualcun altro e, come avevamo previsto sin dalla pubblicazione del bando, è stato assunto proprio lui.

E’ noto che per poter assumere tra i suoi uomini di fiducia il suo capo di gabinetto il Consiglio ha dovuto modificare la legge, perché sino alla Giunta Tondo il capo di gabinetto era un dipendente regionale. E ciò ha comportato ulteriori costi.

Ecco di seguito le domande rivolte alla presidente Serracchiani.

1) Presidente Serracchiani è vero che in più occasioni ha manifestato la propria indignazione nei confronti di quelle pratiche di carattere familistico e partitico che hanno visto spesso nell’ambito politico ammnistrativo mortificare il concetto di merito a favore di quello clientelare?

2) Presidente Serracchiani è vero che nel suo programma si fa riferimento alla razionalizzazione della spesa con particolare attenzione all’utilizzo di personale esterno?

3) Presidente Serracchiani è vero che la Regione ha assunto come proprio Capo di gabinetto l’allora vicesindaco di Udine del Pd attraverso una specifica legge ad hoc?

4) Presidente Serracchiani è vero che nell’attuale ufficio di Gabinetto della Presidenza si trova ad operare, a seguito di un’assunzione avvenuto attraverso agenzia interinale, il vicesindaco del Pd di San Giorgio di Nogaro, diplomato geometra e senza esperienze e competenze specifica nella specifica materia amministrativa?

5) Presidente Serracchiani ci può dire da quanto tempo conosce il vicesindaco di San Giorgio di Nogaro e si intercorra un rapporto di amicizia, come si evincerebbe da alcune foto apparse sul web, fra lei, suo marito e lo stesso vicesindaco?

6) Presidente Serracchiani può spiegare in che termini era a conoscenza del fatto che il vicesindaco di San Giorgio di Nogaro si era iscritto all’agenzia interinale incaricata dalla Regione di individuare un candidato per il ruolo a termine presso l’ufficio di Gabinetto della presidenza?

7) Presidente Serracchiani può spiegare, con ragionevoli argomentazioni, quali siano le possibilità che attribuiscono ad una coincidenza il fatto che un esponente politico ed amministratore locale del Partito Democratico, di cui lei è vicesegretario nazionale, venga assunto dalla regione, di cui lei è presidente, attraverso una selezione aperta a tutti?

8) Presidente Serracchiani appurati i legami politici e di conoscenza e di rapporto con il vicesindaco di San Giorgio di Nogaro non sarebbe stato più opportuno ricorrere ad un incarico di tipo fiduciario e non attraverso un’agenzia interinale?

9) Presidente Serracchiani, alla luce di assunzioni parimenti sospette, come quella del dott. Carlo Fortuna, dirigente del Servizio Relazioni internazionali ed infrastrutture strategiche e di Massimo Ceccon. Consigliere comunale a Udine del Sel, neo dipendente selezionato dall’agenzia di lavoro interinale presso la Direzione Centrale Infrastrutture, Mobilità, Pianificazione Territoriale e Lavori Pubblici, non ritine davvero coincidenza incredibile che trovino occupazione in Regione, laddove intervenga nel processo decisionale una scelta discrezionale, candidati con cui Lei ha intrattenuto relazioni amicali e/o professionali, ovvero che siano suoi sostenitori in seno al partito di cui Lei è vice segretario nazionale o di partiti che la sostengono?

10) Presidente Serracchiani alla luce dei fatti lei riconosce nell’iter e nella prassi di questa assunzione una coerenza con i programmi e gli intendimenti da lei espressi pubblicamente nel corso delle sue frequenti uscite mediatiche ed in tal caso non ritiene opportuno, a seguito di quanto esposto, ritirare l’assunzione del vicesindaco di San Giorgio di Nogaro, riconoscere l’inopportunità della procedura, e avviare un iter adeguato?

La presidente Serracchiani spesso si appella al suo programma elettorale. Ora lo facciamo anche noi, ricordandole che, tra l’altro, ha affermato la necessità di “interrompere le rendite e i vantaggi individuali”, “con noi ci sarà il taglio deciso dei costi della politica e la trasparenza assoluta”, necessità di risparmiare e diminuire i costi di funzionamento delle istituzioni regionali e delle strutture pubbliche”, “nei ruoli di gestione non devono essere nominati rappresentanti politici ma solo professionalità e competenze sul campo”…..

Rodolfo ZIBERNA

Gruppo Forza Italia – Consiglio Regionale FVG

 

 

Redazione

Commenti

Nome *

Sito web

Ultime news