Aspettando PRAMOLLO… Pontebba si prepara

Share Button

AL VIA NUMEROSI PROGETTI IN ATTESA DEL SI AL PROGETTO PRAMOLLO

Pontebba si prepara al via libera sul progetto Pramollo-Nassfeld , con numerosi progetti al via.
Crediamo nello sviluppo del nostro paese” ha affermato Isabella De Monte, sindaco di Pontebba (UD).

Pontebba si prepara ad accogliere il sì al Progetto Pramollo con la partenza di una serie di opere e con l’avvio di alcune attività commerciali nel centro, insieme all’indizione di un bando per la cessione di alcuni lotti nella zona Pip di San Leopoldo.

Tre degli interventi previsti nel “libro bianco” che il Comune ha redatto a supporto del progetto Pramollo hanno già preso avvio a Pontebba.
L’investimento pubblico totale è di circa 2,5 milioni di euro.
Fra le opere più importanti che hanno preso avvio c’è una centralina idroelettrica che verrà realizzata sull’acquedotto già esistente e che produrrà circa 35mila euro annui di utile.
Sono al via anche due progetti INTERREG IV Italia/Austria, entrambi con focus sull’area di Pramollo, per la quale sono previsti interventi per lo sviluppo della cooperazione turistica della località, insieme al miglioramento delle infrastrutture acquedottistiche e di trattemento delle acque reflue.

E’ recente inoltre l’avvio di alcune nuove attività commerciali a Pontebba: rappresenta questo un segnale di rinascita della cittadina, supportata dall’amministrazione comunale.

Sempre in questi giorni, è stato pubblicato l’avviso per l’affidamento di alcuni lotti di terreno nella zona Pip di San Leopoldo, con l’obiettivo di far ripartire le attività previste in quest’area.

L’amministrazione comunale sta vagliando l’affidamento, tramite apposito incarico o concorso di idee, la redazione di un master-plan sugli aspetti urbanistici visti in una visione complessiva, per uno corretto sviluppo del territorio. Tenuto conto delle ricchezze boschive, delle disponibilità idrauliche, dell’assetto idrogeologico; il tutto legato ad un sostenibile sviluppo turistico.

Quello redatto potrà essere lo strumento che permetterà a Pontebba di regolare la propria crescita territoriale.
Tutto ciò, in una vision di coordinamento per lo sviluppo turistico, della ricettività e dei servizi, in sinergia con gli altri Comuni del Canal del Ferro e della Val Canale.

“Siamo partiti con realizzazione di opere fondamentali per il nostro paese – sottolinea, Isabella De Monte, Sindaco di Pontebba; i due progetti INTERREG IV ITALIA AUSTRIA, riguardanti proprio il comprensorio di Pramollo, rappresentano due significativi momenti di miglioramento del polo turistico.
Vediamo con viva soddisfazione l’avvio di alcune nuove attività a Pontebba che sono un segnale chiaro della disponibilità dei cittadini a voler ripartire migliorando il tessuto dei servizi che Pontebba sarà in grado di fornire.
Con la pubblicazione – di questi giorni – del bando pubblico per l’assegnazione di alcuni lotti nella zona Pip di San Leopoldo siamo certi di ridare slancio commerciale a quella zona e siamo anche convinti dell’opportunità, già formulataci, di una nuova sistemazione dell’esistente area doganale.
Diversi sono gli imprenditori che in questo momento stanno sollecitando il via libera della Regione sul project financing.
Ci auguriamo che l’attesa non sia eccessiva, anche perché la Commissione regionale si è espressa ormai da oltre tre mesi.
In questi giorni riceveremo a Pontebba alcuni imprenditori che ci hanno chiesto un incontro, perché interessati ad investire nelle aree delle caserme.
Presto, inoltre, porteremo in consiglio comunale le nostre proposte di sviluppo, concretizzate in una delibera di indirizzo sulle varianti da adottare”.

Pontebba si prepara, così, all’auspicata buona notizia, da parte della Regione Friuli Venezia Giulia, dell’avvio del progetto di sviluppo di Passo Pramollo, puntando ad una rinascita complessiva dell’intero territorio.

Redazione

6 commenti

  1. Karl says:

    Ott 19, 2011

    Rispondi

    Bene!! E’ così che deve essere! Si deve far qualcosa lo stesso!! Anche attendendo il via al progetto grande. La gente e gli impresari possono già fare qualcosa, nel proprio campo. Il comune fa la sua parte, bravo !!!

  2. alessandro says:

    Ott 20, 2011

    Rispondi

    Seguo con interesse l’evoluzione del progetto Pramollo e vorrei esprimere la mia stima al Sindaco De Monte che opera sapientemente per il bene della collettività.Grazie!

  3. silvio says:

    Ott 21, 2011

    Rispondi

    … e Baritussio, da sempre al lavoro per realizzare quest’opera fondamentale!

  4. alessandro says:

    Ott 25, 2011

    Rispondi

    Dopo i recenti sviluppi(meglio sarebbe dire inviluppi)del progetto Pramollo sarebbe il momento di presentare all’ Austria un piano di investimenti concreti (privati e pubblici)per garantire lo sviluppo alberghiero di Ponteebba e dell’intero fondo valle.Mi auguro che in questa circostanaza la stimatissima De Monte riesca a coordinare una risposta imprenditoriale soddisfacente da veicolare alla Giunta Regionale

  5. Dario Baron says:

    Ott 31, 2011

    Rispondi

    Non mi piace per niente il titolo “aspettando pramollo”!
    E’ mai possibile che si leggano solo e sempre gli stessi nomi a portare avanti l’argomento e mai, dico mai, al di là del solito Baritussio per il Pdl valliggiano e De Monte per Pontebba,non ci sia mai una levata di scudi o una presa di posizione da chi ricopre un qualsivoglia incarico pubblico..
    Delle due l’una o mancano i necessari attributi o ci sono ordini di scuderia che vengono dall’alto.
    Che senso ha la presenza del capogruppo di un qualsivoglia partito presente in Comune, se lo stesso non è in grado di portare mai e dico mai, pubblicamente, le aspettative della cittadinanza presso chi di dovere. Idem vale per i tesserati ben attenti a non esprimersi pubblicamente.
    O.K. aspettiamo!!!!! “Speriamo che me la cavo”. E’ il titolo di un libro di qualche tempo fa, che più di qualcuno farebbe bene a leggere.

  6. […] Dunque… Progetto Pramollo, dove eravamo rimasti? Che le carte (tantissime) del project financing sono tutte in regola, che la commissione ha sancito la pubblica utilità, che i denari pubblici sono già stati stanziati, che industriali, università, Friulia Spa sostengono il progetto, che i detrattori sono un pugno di mosche (forse però potenti) e che manca la firma del Presidente Tondo per la pubblicazione del bando di gara definitivo per iniziare i lavori, realizzare la cabinovia e aprire le porte agli investitori privati… […]

Commenti

Nome *

Sito web

Ultime news