ALPINI: SEDE RINNOVATA GRUPPO UDINE CENTRO

Share Button

Dedicata al reduce Agostino Floretti la sala riunioni. Pubblico numerosissimo alla cerimonia di inaugurazione.

00

L’Alpino n. 11 anno XLV del novembre 1964 con queste parole riportava la notizia della Nascita del Gruppo: “Nella sezione di Udine è nato il Gruppo Alpini <<Udine Centro>>. Il 9 novembre (recte 8 novembre) è stato benedetto il gagliardetto durante la S. Messa celebrata dal Cappellano sezionale, nella Chiesa del Castello…”

02

Ieri, quindi 50 anni dopo, è stata inaugurata -e benedetta- la sede rinnovata del Gruppo, nella Loggia del Lionello, sotto il castello di Udine.
I lavori di risanamento del vecchio ambiente, gli intonaci la realizzazione dei nuovi impianti e dei servizi igienici sono stati curati dal Comune e sono durati circa un anno e mezzo.
L’Associazione Nazionale Alpini ha fatto il resto, ossia lavori interni ed arredi.

03
Pur in spazi ristretti rispetto alle convenzionali “baite” in giro un po’ per tutta Italia, la sede è estremamente funzionale e adotta un canone estetico di riuscita fusione tra l’antica architettura, i vecchi cimeli ed il moderno design.

01
La sala riunioni è stata dedicata al rimpianto Agostino Floretti, reduce di Grecia, Albania e Russia, Alpino molto noto e persona stimata da tutti.

05

Lucio Favero, Capogruppo, dichiara che “Agostino ha lasciato in eredità al Gruppo una cifra significativa, affinché venisse gestita per il bene del gruppo stesso. L’abbiamo quindi impiegata per rinnovare la sede, confidando così di impiegare al meglio il lascito di Agostino che resterà sempre nei nostri cuori, come esempio e come guida. Agostino è sempre con noi, teniamo sempre a mente i suoi insegnamenti, i suoi pensieri. Ringrazio inoltre la Sezione ANA di Udine, il presidente Soravito, il Colonnello Ziani (coordinatore ANA della Protezione Civile), il sindaco di Udine e, soprattutto, tutti gli Alpini di Udine che ci hanno fattivamente aiutati in questo importante lavoro”.

DSCF1021
“Udine Centro”, spiega il presidente sezionale ANA Dante Soravito de Franceschi, “porta un testimone pesante: la sede è centralissima, la logistica non è sempre facile ma è punto di riferimento per tutti gli Alpini della città. Il Gruppo ha cinquant’anni, ha radici quindi ben solide ed è molto coeso e valido, i suoi Alpini sono sempre disponibili, si può sempre contare su di loro… Possiamo dire che i nostri Padri, che riposero molte speranze in questo Gruppo, si vedrebbero ora ripagati dei loro sacrifici. Lucio è inoltre un trascinatore, impegnato in molte attività sia in Regione che fuori, ad esempio con la Protezione Civile: è un bravo Capogruppo e i meriti vanno anche a lui.”

DSCF1022

Per un approfondimento su Agostino Floretti, leggete pure qui il ricordo di un suo ben più giovane amico, Mattia Uboldi, alpino radiato dall’ANA pur essendo sempre presente alle manifestazioni ufficiali e ben voluto praticamente da tutti gli altri Alpini (boh?).

Tommaso Botto

Commenti

Nome *

Sito web

Ultime news