AL SUD CREDONO DI ESSERE PIU’ FURBI

Share Button

La riflessione di un emigrante al contrario (un Settentrionale trasferitosi in Puglia) al termine del suo ‘esilio’.

forza sud

Da cinque anni vivo e lavoro in Puglia in una azienda “familiare” e quindi piccolina. Sono friulano e per varie circostanze mi si prospettò allora questa opportunità. Non essendo mai stato prima in Puglia non ci pensai troppo su: partii con un certo entusiasmo, se non altro per conoscere con mano una parte di meridione italiano.

Sinceramente, l’impatto non è stato difficile (ci mancherebbe … sempre Italia è), tuttavia ti rendi conto che siamo … “diversi” nell’uguaglianza. Sempre italiani siamo, tutti; ma con le debite differenze. Sia in bene che in male.
Mare splendido, cucina buonissima e variegata (del resto trovami un posto in Italia tutta ove non si mangi bene!), gente piuttosto solare e apparentemente accogliente (più di noi musoni friulani!).
I paesaggi sono decisamente diversi dal verde lussureggiante del variabilissimo nord-est; e ammetto che possono avere un loro fascino, soprattutto per chi apprezza le tonalità “calde”.
Non nego che del Friuli io sono innamorato (e me ne sono reso conto in questi anni di “esilio”): nonostante tutto ciò che si può dire a critica (Dovatu stesso ha portato alla luce diversi motivi di riflessione) rimane sempre un posto dove si sta bene. Io poi adoro la montagna (ne sento una sconvolgente mancanza), mi piace il verde. Prediligo il clima freddo e amo la neve.

Son anche contento di aver fatto questa scelta perché girare e vivere il mondo è istruttivo ed edificante. Voglio sempre cercare di guardare il bicchiere mezzo pieno.

pizzino

Tuttavia ci sono vari aspetti della vita pratica che non sopporto di queste parti: sporcizia da vergognarsi, menefreghismo, vandalismo, mancanza del rispetto di ogni regola, pressapochismo … insomma, per farla breve … non gliene frega un cazzo di niente. Aggiungi anche che si credono i migliori del mondo (presuntuosetti, per i miei gusti) … e siamo a posto.
Credono di essere più furbi degli altri, in particolare di noi del Nord: lo si percepisce spesso, quasi sempre. E alcuni, le brave persone, quando si entra un po’ in intimità, lo confessano.

Indubbiamente, e per fortuna, non succede a tutti. Ci sono anche brave persone, che poi ho avuto anche piacere di conoscere.

Ma come succede … devi arrivare a una sintesi delle cose: la maggior parte della gente è così. La tendenza è fondamentalmente così. Ripeto, pur con delle eccezioni. Certo.

Hanno un territorio che, se ben gestito in termini ambientali, turistici, logistici, ecc. potrebbe essere meraviglioso più di quel che è. Invece molte cose ti danno l’idea dell’abusivo, del malaffare, del superficiale, della mancata programmazione e previsione per le cose che possono verificarsi. Ti chiedo scusa, mi rendo conto che sto parlando in forma troppo generica, ma dovrei star qui a farti un papiro che non finisce più.

Il brutto è che, rispetto ad esempio a noi in Friuli … paese di molti vecchi e pochi giovani, qui è pieno di giovani. E’ una cosa che, volenti o nolenti, ti dà speranza per un futuro. Ma che futuro possono avere qui! Infatti emigrano e nemmeno più di tanto al nord padano … all’estero, ovviamente. Cosa devi fare? Per forza devi fare certe scelte, se vuoi sopravvivere.

Io adesso ho deciso che questa mia esperienza meridionale è arrivata alla sua fine naturale: mi sono stancato, anche perché a fronte di taluni disagi, non ho una controparte che mi offre vantaggi.
Quindi ciao Puglia e ciao sud.

 

Sbilf

Redazione

1 comment

  1. Gianpiera says:

    Set 20, 2014

    Rispondi

    E L’ITALIANO DOVE?

Commenti

Nome *

Sito web

Ultime news